Come migliorare l’erezione con il Jelqing

Nonostante sia ampiamente dimostrato che le dimensioni del pene non siano funzionali al successo di un rapporto intimo con il proprio partner, sono tantissimi gli uomini che si interessano alla possibilità di migliorare l’aspetto del proprio membro e, perchè no, al modo di aumentarne le dimensioni.
Un pene più grande, specialmente durante l’erezione, rappresenta infatti un sogno per molti uomini, e per questo sarete felici di sapere che è possibile modificare le dimensioni del proprio pene tramite la pratica quotidiana con degli esercizi dedicati.

In questo articolo vi spiegheremo come intervenire in maniera efficace sulle dimensioni del vostro pene tramite la tecnica di allenamento chiamata Jelqing, tecnica che può essere svolta in tutta tranquillità tra le mura di casa vostra e che non necessita di attrezzatura specifica. Ma vediamo più nel dettaglio in cosa consistono questi esercizi.

Che cos’è il Jelqing?

Il Jelqing è una tecnica antica utilizzata nel Sudan e consistente in una serie di esercizi che permettono, se attuati in maniera costante e corretta, l’allungamento e l’ingrossamento del pene oltre le sue normali dimensioni. Si tratta di un vero e proprio allenamento fisico, che tramite una compressione mirata alla base del glande favorisce l’afflusso sanguigno al pene e ne aumenta in questo modo il gonfiore e la lunghezza.

Si tratta di un allenamento semplice da eseguire e che non necessita di attrezzature specifiche, pertanto non sarà necessario acquistare nulla per provare e se sarete costanti resterete stupiti dei risultati.

Applicandosi in maniera costante per circa ’20 minuti al giorno, sarà infatti possibile notare un aumento nelle dimensioni del pene che va dai 2 ai 7 cm. Il risultato non sarà però immediato ma servirà una cura costante per diversi mesi, ed è importante perciò non farsi scoraggiare se i risultati non arrivano immediatamente.

Ma vediamo come eseguire correttamente gli esercizi per l’allungamento naturale del pene!

La prima cosa da tenere a mente è che gli esercizi non sono efficaci su un pene a riposo o su un pene completamente eretto. Devono essere invece eseguiti quando il membro si trova a metà strada dalla completa erezione. È importante applicare un adeguato riscaldamento, con un asciugamano caldo o con una doccia calda, in modo da favorire la vasodilatazione.

Una volta raggiunta una erezione parziale dobbiamo posizionare le dita del pollice e dell’indice come a formare un anello, come nel segno di “OK”, in modo da racchiudere la base del pene al loro interno, il più vicino possibile all’osso. A questo punto possiamo applicare una lieve pressione mentre facciamo scorrere le dita lungo l’asta del pene senza mai arrivare al glande.

È necessario ripetere le sessioni di Jelqing per almeno 20 minuti al giorno per ottenere dei risultati visibili e soddisfacenti.

Esercizi Jelqing: gli errori più comuni

Trattandosi di un allenamento quotidiano è importante capire come svolgere al meglio gli esercizi affinchè questi siano veramente efficaci e non rappresentino uno spreco di tempo. Esistono alcuni errori molto comuni che è bene evitare per essere sicuri di raggiungere l’obiettivo di un ingrandimento soddisfacente del pene che potete leggere di seguito:

Il riscaldamento: è bene non sottovalutare l’importanza di un adeguato riscaldamento prima della sezione di Jelqing. Riscaldare il pene consente di aprire i vasi e garantire una maggiore vascolarizzazione rendendo gli esercizi molto più efficaci. Se non avete tempo per fare una doccia provate a scaldare un asciugamano o meglio ancora acquistate una coperta riscaldante da avvolgere attorno al membro. Si tratta di un piccolo investimento che vi consentirà però di risparmiare tempo nella vostra pratica quotidiana.

Non masturbatevi: il Jelqing equivale ad una vera e propria sessione di allenamento e deve essere svolta in quest ottica, proprio come fareste per qualunque altro muscolo che intendete allenare in palestra. Non concludete ogni sessione con una eiaculazione ma lasciate al vostro pene il tempo di sfreddarsi e tornare normale dopo ogni serie di esercizi. Dedicatevi alla masturbazione in altri momenti della giornata. Per questo motivo dovete stare inoltre attenti a non scivolare con le dita fino al glande che deve essere escluso dalla stimolazione durante lo svolgimento degli esercizi.

Attenzione al dolore: l’allenamento non dovrebbe mai essere doloroso o fastidioso, perciò interrompete subito la sessione se sentite fastidio o se il vostro pene assume un colore diverso dal solito.

Il Jelqing funziona veramente per allungare il pene?

Questo tipo di allenamento viene praticato ogni giorno da oltre 70.000 uomini nel mondo e possiamo garantirvi che con un pò di pazienza i risultati saranno sicuramente visibili anche nel vostro caso. Tenete a mente che si tratta di un metodo totalmente naturale per l’ingrandimento del pene e che quindi è necessario un allenamento costante e tanta pazienza. Sono moltissime le testimonianze di persone soddisfatte che hanno potuto valutare un ingrossamento e un allungamento del proprio pene dopo qualche mese di allenamento.

In conclusione possiamo affermare che il Jelqing è un metodo efficace per allungare il pene in modo naturale, a patto di rispettare correttamente tutte le indicazioni di allenamento. Non è indicato mettere in pratica sessioni più lunghe di 20 minuti ma è necessario essere costanti e applicarsi quotidianamente senza farsi scoraggiare. sarà una grande soddisfazione vedere le dimensioni aumentare naturalmente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *